Legambiente su riduzione contributo ambientale per attività estrattive in Umbria


Atto gravissimo e ingiustificato: si continuano a favorire gli interessi di pochi a discapito del patrimonio ambientale e del territorio  

“Il Consiglio Regionale e la Giunta fanno l'ennesimo regalo, da campagna elettorale, a chi mangia e consuma il paesaggio e l'ambiente con la scusa che il comparto edile e quello estrattivo sono in crisi – è il commento di Legambiente Umbria alla notizia dell'approvazione dell’emendamento bipartisan, ieri in Consiglio regionale, che riporta il contributo ambientale dovuto dalle imprese per le attività estrattive ai livelli del 2007 .

“Questo privilegio riservato in Umbria solo ai cavatori – continua Legambiente Umbria - si aggiunge alla proroga delle autorizzazioni per i volumi di materiale non estratto e segue la moratoria di due anni di cui il comparto delle attività estrattive ha beneficiato per il versamento dei canoni di concessione dovuti per 2014 e 2015. Senza dimenticare che in Umbria il canone di concessione per le attività estrattive non arriva nemmeno ad un decimo del prezzo di vendita ed è già tra i più bassi d'Italia e addirittura è una cifra ridicola se confrontata con quelle della Gran Bretagna che toccano il 20% del prezzo di vendita”.

“Quello assunto dal Consiglio regionale e dalla Giunta regionale è un atto gravissimo e ingiustificato visto che la concessione è un'indennità dovuta a fronte di un'attività che crea un danno alla collettività, al territorio e al paesaggio – conclude Legambiente Umbria - non è con l'eliminazione del canone di concessione che si risollevano le imprese estrattive e l'edilizia, ma promuovendo una innovazione capace di fare di questa attività un settore all'avanguardia, puntando sul recupero degli inerti e garantendo la tutela del paesaggio".

 

Pubblicato il25 marzo 2015